Invito

Se ti piace scrivere, su Poesie in Versi potrai pubblicare gratis i tuoi racconti, poesie, articoli, ma anche saggi,foto,video, raccolte e molto altro ancora. Se invece ami leggere, leggi le opere del giorno, della settimana, oppure sfoglia le oltre 3000 opere pubblicate dai nostri autori nel 2010. Vai su: http://www.poesieinversi.it/ Ricorda: oggi non è più necessario ( anche se raccomandato)  iscriversi per partecipare alla nostra piccola comunità. Ti basterà inviare … Continua a leggere

Poesie in Versi presenta:Le poesie di Sylvia Plath

Questo articolo è stato pubblicato su www.poesieinversi.it Tutto è fuori dall’ordinario, nella vita di Sylvia Plath, anche nella tragica fine di madre suicida che non trascina con sé i suoi figli. Trentanni in cui un’ambiziosa ragazza americana si trasforma in poeta di straordinaria intensità, tra le più’ grandi voci del ’900 In quei trentanni di vita non le viene risparmiato nulla. Prima … Continua a leggere

il pappagallo

Questo scritto è stato ispirato leggendo una “poesia” tanto bellina quanto esplicativa pubblicata il giorno prima su un sito letterario da un servizievole quanto biricchino redattore:  impossible non cogliere il “messaggio” 🙂 e non rispondere per le rime. E se dobbiamo proprio parlare di rispetto, che qualcuno impari ad andare per la propria strada non a colpi di mannaia, di … Continua a leggere

per LUI coniai…

Malika Ayane – come foglie by Virgilio-Musica   Una madre, una lingua di donna per lui coniai generando col fiato balbettii per la sua incapacità di provare stupore. Che strana sorte hanno i sogni quando curvi, si perdono nei pensieri e l’indimenticabile dimentica che ventre pallido ha l’amore.   AltraMusa 2009  

rosso mattone

Ciò che fantasticavo con tenerezza adesso fa le ore piccole sulle grondaie degli occhi e si lascia travolgere da altro sangue in altri caldi fagotti di lana. Così resta degno della mia attenzione appena un poco, un attimo ancora. Dozzinale è il corpo dell’amore, piegato e nascosto  tra le pieghe Il  timido rettile è un ricciolo ridicolo che pasce del … Continua a leggere

mi divoro’ l’immaginazione

Mi divorò l’immaginazione con le sue belle fiamme distorte stirando la bocca alla luna. Si risvegliarono i fari dei camion come arance dorate, e la luce si dipese sulle tue troppe bontà e sulla nostra voglia di divagazione. Non sapevo cosa cercassi io, ne cosa volessi  tu, ma solo l’occhio della ragione ci impedì le ineluttabili consonaze. In mezzo a questo glicine cammino di … Continua a leggere